fbpx

Booth: “Se Joshua si lascerà distrarre dagli affari, Pulev sarà per lui una brutta sorpresa!”

Il trainer Adam Booth ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo all’incontro tra il campione WBA, WBO e IBF dei pesi massimi, Anthony “AJ” Joshua (23-1, 21KO) e il 38enne bulgaro Kubrat “The Cobra” Pulev (28-1, 14KO). L’incontro, in programma il 20 giugno al Tottenham Hotspur Stadium, potrebbe slittare al mese successivo a causa della pandemia da Coronavirus. In questo momento non si parla di un ulteriore rinvio, ma il tutto dipenderà dalla diffusione del virus.

Booth sostiene che l’esperienza di Pulev potrebbe risultare un’arma pericolosa e, in virtù di questo, AJ farebbe bene a non sottovalutarlo se vorrà evitare la figuraccia palesata nel corso del primo match disputato contro Andy Ruiz Jr.

Questo per AJ è un atteggiamento troppo rischioso da assumere – ha risposto Booth a chi gli domandava se questo incontro fosse solamente un match di routine – tutto può succedere nel pugilato, specialmente nella categoria dei pesi massimi. Sia Pulev che Povetkin [che affronterà invece Whyte] hanno molta esperienza, sanno prendersi cura di se stessi e sono ancora in grado di far male quando portano un colpo“.

Pulev ha un’esperienza da pro di undici anni e ha all’attivo una sola sconfitta, nel 2014, contro l’allora re incontrastato della categoria, l’ucraino Wladimir Klitschko, che vinse l’incontro per ko alla quinta ripresa. Dunque molti analisti sono convinti che Joshua imiterà il modo di boxare di Wladimir per battere Pulev.

“Joshua non deve distrarsi pensando che Pulev sia ormai vecchio per combattere ad alti livelli, perché Pulev è ancora capace e ha il pugno pesante. Se AJ sottovaluterà Pulev, avrà una brutta sorpresa – ha aggiunto Booth – “Non mi sorprenderebbe se Joshua si permettesse di dormire di nuovo sugli allori, se permettesse a se stesso di essere distratto dagli affari e non essere ciò che deve come pugile anche se ha pagato un prezzo troppo alto già una volta: non deve commettere lo stesso errore che ha commesso contro Ruiz. In quell’occasione è stato in grado di ottenere subito una rivincita, anche per via del grande valore economico, ed è riuscito a rimediare al suo errore”.

Eddie Hearn ha ribadito come Joshua abbia voluto combattere nel Regno Unito, quindi, un’eventuale sconfitta davanti ai suoi fan sarebbe qualcosa di terribile per lui. I fan hanno apprezzato questa scelta anche se, con ogni probabilità, avrebbero preferito vedere un altro tipo di incontro contro un avversario all’apice della sua carriera.

 

 

Condividi su:
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X