fbpx

Bob Arum ci va pesante: “Ruiz sembrava un grosso maiale”

Il numero uno della Top Rank, l’anziano Bob Arum, ha rilasciato alcune dichiarazioni pepate in merito al match andato in scena sabato scorso e che ha visto come protagonisti del main event i pesi massimi Anthony Joshua (23-1, 21KO) ed Andy Ruiz Jr (33-2, 22KO), impegnati nel rematch del combattimento andato in scena il 1 giugno. Ruiz si è presentato in Arabia Saudita con un peso decisamente eccessivo, attirandosi le critiche del pubblico e degli addetti ai lavori.

Dopo la tirata di orecchie fatta dal suo stesso allenatore, ora è arrivata anche quella del suo ex promoter: Arum ha definito Ruiz un “grosso maiale”, infierendo sulla stazza enorme del pugile di origini messicane che, nella conferenza post match, si era scusato con i suoi fan per non essersi presentato nel migliore dei modi (il peso fatto registrare da Ruiz era 7 kg in più rispetto a quello palesato lo scorso giugno).

Arum non ha speso neanche una parola di elogio all’indirizzo di Joshua, lasciando intendere che altri pugili avrebbero approfittato della scarsa forma fisica di Ruiz per metterlo fuori combattimento. Arum ha poi aggiunto che il prossimo avversario di Joshua sarà Kubrat Pulev (28-1, 14KO) e che per il britannico saranno dolori. Il bulgaro è lo sfidante obbligatorio IBF ed ha guadagnato questo diritto in virtù del successo ai punti ottenuto contro Hughie Fury nell’ottobre del 2018.

“Un pugile ha delle responsabilità non solo verso se stesso, ma anche verso il pubblico, se si presenta come un grosso maiale nella speranza di difendere i suoi titoli – ha dichiarato Arum – non è stato un match, qualsiasi peso massimo decente lo avrebbe battuto. Joshua ha fatto quello che doveva fare ma non è un grande merito, perché altri pugili, vista la scarsa forma fisica di Ruiz, lo avrebbero spedito al tappeto”.

A chi gli chiedeva se il vincitore della sfida tra Tyson Fury e Deontay Wilder affronterà Joshua, ha risposto così: “Alla fine, forse sì. Tuttavia, io ho un pugile che per una questione di stili credo possa battere Joshua. Sto parlando di Pulev, è lui il prossimo, anche perché è lo sfidante obbligatorio per la sigla IBF. Poi, il vincitore se la vedrà con Usyk”.

 

Condividi su:
  • 360
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X