fbpx
Badou Jack

Badou Jack annichilisce Cleverly in cinque riprese

Poco fa, presso la T-Mobile Arena di Las Vegas (Nevada), negli Stati Uniti, lo svedese Badou Jack “The Ripper” (22-1-2, 13 KO) ha sconfitto per KO tecnico al quinto round il gallese Nathan “Clev” Cleverly (30-4-0, 16 KO). Jack si è così laureato nuovo campione “regular” dei pesi mediomassimi per la WBA: il titolo era stato vinto da Cleverly lo scorso ottobre ai danni di Juergen Braehmer. Per Jack si è trattato del primo incontro nella nuova categoria dopo che la sua carriera si era svolta al limite dei supermedi.

Il match si è aperto immediatamente su ritmi molto elevati: Cleverly è balzato a centro ring con fare minaccioso e ha fatto partire i primi fendenti; Jack ha subito risposto al fuoco. La colossale differenza di precisione tra i due contendenti è apparsa evidente sin dalle prime battute: mentre la stragrande maggioranza dei colpi del campione si spegneva senza effetto sui guantoni del rivale o andava a vuoto, quasi tutti i colpi scagliati da Jack andavano a bersaglio. Lo sfidante si è così potuto esibire in tutto il suo repertorio distraendosi tuttavia negli ultimi istanti del primo round e rimediando due pericolosi destri alla tempia.

L’angolo dello sfidante si è fatto sentire rimproverando duramente il proprio pugile per il rischio appena corso ed invitandolo ad avere pazienza e a non forzare i tempi. A partire dal suono del gong che ha sancito l’inizio del secondo round il match non ha più avuto storia. Jack ha dominato in maniera schiacciante la seconda e la terza ripresa alternando colpi al corpo e al volto senza mai rischiare nulla. Cleverly dal canto suo è sembrato sempre più sfiduciato col passare dei minuti ed il suo workrate è calato a livelli preoccupanti. Particolarmente nefasta per il pugile inglese è stata la sua tendenza a non muovere minimamente la testa in fase difensiva limitandosi a proteggersi con le braccia alte: una ben misera barriera contro un rivale tanto preciso come lo svedese.

Il quarto round è stato un autentico massacro tanto che un intervento risolutivo dell’arbitro Tony Weeks sarebbe stato perfettamente legittimo: Cleverly ha trascorso buona parte della fase finale della tornata spalle alle corde in difesa passiva e soltanto la potenza non trascendentale di Jack gli ha consentito di tornare sullo sgabello per il minuto di pausa.

Nulla ha però potuto salvare il coraggioso gallese nella ripresa successiva, quando nel corso dell’ennesima combinazione scagliata dallo sfidante e in virtù della totale assenza di reazione di Cleverly, Weeks ha deciso che non fosse il caso di andare oltre. A parere di chi vi scrive la decisione dell’arbitro è stata ineccepibile poiché il povero Nathan avrebbe rischiato di subire danni molto seri qualora il match fosse andato avanti.

Il match è stato dunque di gran lunga meno equilibrato di quanto ci si potesse aspettare alla vigilia. Badou Jack è sembrato decisamente a suo agio nella nuova categoria di peso e benché la sua potenza sia apparsa tutt’altro che impressionante, la frequenza spaventosa con cui è riuscito ad andare a bersaglio gli ha consentito di apparecchiare la tavola per il KO in tempi piuttosto rapidi. Il pugile nato in Svezia continua a migliorare di match in match aggiungendo nuove armi al suo arsenale offensivo e acquisendo sempre maggior fiducia in se stesso. Nell’intervista rilasciata al termine della contesa ha sfidato pubblicamente il campione WBC dei mediomassimi Adonis Stevenson dicendosi pronto ad andare in Canada pur di affrontarlo. Vedremo se il suo desiderio sarà esaudito.

Cleverly dal canto suo farebbe bene a considerare seriamente l’ipotesi del ritiro. Una simile disfatta, per come è maturata, può lasciare segni indelebili nella psiche e nel fisico di un pugile. Il gallese è un fighter generoso e determinato ma ha limiti tecnici che ad alti livelli possono costare caro.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X