fbpx

Andy Ruiz Jr vs Charles Martin come eliminatoria per il titolo IBF?

Gli ex campioni mondiali dei pesi massimi, Andy Ruiz Jr (33-2, 22KO) e Charles Martin (28-2-1, 25KO), potrebbero essere in lizza per la nomina di nuovo sfidante ufficiale al titolo IBF detenuto (al momento) da Anthony Joshua (23-1, 21KO). Martin ha conquistato il titolo IBF nel gennaio del 2016, poche settimane dopo che Tyson Fury fosse spogliato delle cinture conquistate il 28 novembre 2015 contro Wladimir Klitschko, battendo per tko Vyacheslav Glazkov, ma ha perso il titolo tre mesi più tardi proprio per mano del campione britannico, che ha avuto la meglio con un ko alla seconda ripresa.

Da allora, il canadese ha combattuto sei volte, inciampando in una sola sconfitta, contro Adam Kownacki. Il 22 febbraio scorso, proprio nel sottoclou di Fury-Wilder, Martin ha avuto la meglio su Gerald Washington (allora al secondo posto del ranking IBF), in quella che è stata un’eliminatoria. Una volta che Pulev avrà sfidato Joshua, il primo posto sarà vacante, lasciando così a Martin (ora al numero due del ranking) la possibilità di sfidare il primo avversario in fila. Il nome dovrebbe essere quello di Michael Hunter, poiché Oleksandr Usyk, al numero tre, è già in corsa con il WBO ma, stando ad alcune indiscrezioni, pare che Hunter abbia altri piani, lasciando così spazio al numero cinque, Andy Ruiz.

A favore di questo scenario, occorre ricordare che entrambi i pugili sono promossi dalla Premier Boxing Champions di Al Haymon, che ha tutto l’interesse per far pressione sull’IBF affinché questo incontro vada in porto. Se come sembra, Hunter sceglierà di percorrere la strada per il titolo WBA, allora Martin e Ruiz andrebbero da occupare le due posizioni immediatamente successive al primo posto. Tutto dipenderà dalla scelta di Hunter, se sfidare Martin (come gli vien consigliato da Eddie Hearn) o se invece dirottare l’attenzione sul vincitore della sfida tra Mahmoud Charr e Trevor Bryan o su Robert Helenius.

Ruiz era salito sul trono dei massimi il 1 giugno del 2019, strappando a Joshua le cinture con un tko alla settima ripresa, salvo poi perderle il 7 dicembre scorso. Il pugile di origini messicane si era detto amareggiato al termine del secondo match andato in scena in Arabua Saudita, ammettendo di non essersi preparato al meglio.

 

 

 

 

 

 

Condividi su:
  • 131
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X