fbpx

Alvarez torna sul ring mandando KO Seals

L’ex campione WBO dei mediomassimi, Eleider Alvarez (25-1, 13 KO) è tornato sul ring dopo un’assenza di 350 giorni, un lungo stop condizionato sia dalla sua prima sconfitta in carriera, nella rivincita contro Sergey Kovalev (34-4-1, 29 KO), sia da un brutto infortunio al tendine d’Achille.

Infatti questa è la prima volta che il 35enne Alvarez ha combattuto da quando ha perso, alla prima difesa, il titolo WBO contro il Krusher russo lo scorso febbraio. Cintura che gli aveva strappato nell’agosto 2018.

Alvarez, nonostante un inizio poco brillante sul ring del Turning Stone Resort & Casino di Verona a New York, ha messo a segno uno spettacolare destro ai danni di Michael Seals (24-3, 18 KO) nella settima ripresa e ha chiuso così le ostilità vincendo il match prima del limite.

La ruggine del pugile colombiano si è notata sin dalla prima ripresa, non ha scagliato i colpi come di consueto apparendo molto contratto. Alvarez e Seals sono rimasti molto attendisti per due round, tanto da generare i fischi del pubblico irrequieto.

Solo un ottimo colpo della quarta ripresa, ha sembra animare un po’ l’incontro, ma entrambi i  due fighter hanno continuato ad apparire contratti e statici, tanto da sembrare in una seduta di sparring.

Il match si è infiammato poi dal quinto round quando Alvarez ha provato ad alzare il ritmo, acquisendo più sicurezza tanto da far sanguinare alla sesta ripresa il naso di Seals. Il pugile statunitense, che non aveva mai superato il sesto round in carriera, è apparso in difficoltà. Ma anche questa volta non è stato in grado di testare i limiti della sua resistenza, visto che nel settimo round, Alvarez ha piazzato un destro devastante che ha spento le resistenze del pugile statunitense.

Il 37enne Seals, ex giocatore di football, si presentava a questo incontro con ben 4 vittorie negli ultimi 4 incontri. L’atleta statunitense dopo una serie di infortuni, aveva pensato di smettere nel 2015, iniziando a lavorare come autista per Uber e Lyft. Poi dopo due anni di stop ha deciso di tornare sul ring facendosi strada con dei match in eventi importanti.

“Durante il training camp, abbiamo lavorato ripetutamente sul destro. Il mio allenatore mi ha criticato per come ho iniziato il match, perché non stavo facendo quello che stava chiedendo. Sono stato fuori dal ring per 11 mesi. Volevo tornare e dimostrare che ero lo stesso che ha battuto Kovalev, ed è per questo che lo abbiamo messo in pratica”, ha dichiarato Alvarez dopo il match.

Il capo della Top Rank, Bob Arum dopo la vittoria di Alvarez, ha dichiarato che vorrebbe fargli affrontare Joe Smith, che la scorsa settimana ha vinto su Jesse Hart. Evento che potrebbe riportare il colombiano in Canada, dove Alvarez ha svolto buona parte della carriera, dove ha sconfitto Lucian Bute e Jean Pascal.

 

Condividi su:
  • 96
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X