fbpx

Alvarez vs Jacobs: il press-tour del big show iniziato ed anche il countdown

Condividi su:
  • 53
  •  
  •  
  •  

È partito ieri da New York, all’Hard Rock Cafe, il press-tour in giro per le città che presenta il big show del weekend del Cinco De Mayo alla T-Mobile Arena di Las Vegas: la sfida di riunificazione dei titoli tra i due campioni dei pesi medi, Saul “Canelo” Alvarez (WBA e WBC) e Daniel “Miracle Man” Jacobs (IBF).

Nella boxe tutto può accadere. Andremo là in cerca di un KO, ma ci prepariamo per 12 round e ci aspettiamo l’inaspettato. Siamo pronti per questo”, ha dichiarato Canelo durante la conferenza. Mi piacciono le sfide. Sappiamo cosa porta Danny. Ha sempre messo in mostra le sue qualità ed il suo stile, sa come muoversi bene sul ring. Sarà una grande lotta e ne usciremo con la nostra mano in su”.

“Mi allenerò aspettando di trovare il miglior Canelo mai visto prima. Quando salirò sul ring il 4 maggio sarà l’ultimo ostacolo da dover superare perché diventerò il Campione assoluto dei pesi medi, il miglior combattente della mia divisione,” ha risposto invece Jacobs.

Sicuramente quella che vedremo una grande battaglia. Entrambe i promoter, Oscar De La Hoya della Golden Boy a supporto di Canelo, ed Eddie Hearn della Matchroom a quello di Jacobs, sono d’accordo sul considerare questa sfida, ai massimi livelli, infuocata e più pericolosa della guerra sul ring con Golovkin.

“In primo luogo si tratta di una lotta pericolosa, un match che può essere complicato per Canelo perché Jacobs non è solo un grande campione. Ciò che Jacobs ha è la forza, non solo fisica, ma anche mentale, alcuni anni fa Jacobs ha sconfitto il cancro, ha lottato, è sopravvissuto a tutto questo. Lui è più forte che mai mentalmente, sa esserlo sempre”, ha detto De La Hoya.

“Daniel ha più tecnica di GGG, sa come boxare, come muoversi lateralmente, muovere la testa, lanciare combinazioni veloci, Golovkin era forte, sì, ma non ha velocità come Jacobs. Per me li vederemo combattere come Julio Cesar Chavez contro Meldrick Taylor: Canelo è forte,  lo seguirà, pressarà, colpirà il corpo e il piano di Jacobs sarà quello di lanciare combinazioni e muoversi lateralmente.

Se Canelo vince e viene incoronato il campione indiscusso, sarà collocato tra i migliori tre o quattro pugili messicani di tutti i tempi, e la cosa bella di Canelo è che lui è giovane, ha una lunga strada. Ha 28 anni e se continua su questa via può diventare uno dei migliori in assoluto”.

E ovviamnete anche Eddie Hearn dal canto suo tira acqua al proprio di mulino: “Quando vidi Jacobs affrontare Golovkin, all’ultimo suono della campana ero certo che ce l’avesse fatta. Pensavo che gli dei gli avrebbero dato questa vittoria. Non l’hanno fatto, perché hanno atteso questo momento: contro il migliore al mondo per creare un’eredità che non è mai stata dimenticata nello sport del pugilato . Non sono mai stato così fiducioso di una lotta del 50-50. Diventeremo campioni unificati, il Cinco de Mayo è una grande festa per il popolo messicano, ma non lo sarà quest’anno!”

Che altro aggiungere se non di prepararci allo spettacolo ed iniziare a programmare il countdown?

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X