fbpx

Alexander Povetkin sorprende Dillian Whyte con il KO dell’anno!

Un colpo di scena clamoroso ha segnato il main event della riunione organizzata da Eddie Hearn presso il Matchroom Fight Camp di Brentwood: Alexander “Russian Vityaz” Povetkin (36-2-1, 25 KO) ha infatti sorpreso il favorito della vigilia Dillian “The Body Snatcher” Whyte (27-2-0, 18 KO) con un montante micidiale nella quinta ripresa imponendosi per KO. Il peso massimo russo si è così aggiudicato le cinture “Interim” e “Diamond” della WBC e si è posizionato al vertice della classifica federale.

L’incontro si è rivelato breve ma estremamente intenso. Nelle prime due riprese Povetkin ha dettato i ritmi della sfida lavorando con buona frequenza alla figura e disinnescando con schivate immediate le repliche del rivale, capace di andare a segno unicamente con il jab. A partire dal terzo round tuttavia il match ha dato la sensazione di cambiare binario poiché il sinistro dell’inglese ha iniziato a trovare il bersaglio con crescente continuità ed efficacia ed è stato accompagnato da violenti montanti alla figura, mal digeriti dal veterano avversario.

I “fuochi d’artificio” tuttavia sono esplosi nel corso del quarto round. Whyte ha prima stordito Povetkin con due destri consecutivi e poi lo ha atterrato con un corto gancio sinistro alla tempia. Il russo si è rialzato e ha cercato di contrattaccare con immenso coraggio, ma la sua fretta di rifarsi si è rivelata controproducente, tanto che un montante ravvicinato al mento lo ha spedito al tappeto per la seconda volta. Il match a questo punto appariva segnato, col Body Snatcher manifestamente capace di far male in qualunque momento e Povetkin tornato all’angolo con espressione sfiduciata. Il pugilato tuttavia è uno sport meraviglioso anche e soprattutto per la sua imprevedibilità e quanto accaduto nella quinta e ultima ripresa ha lasciato senza dubbio tutti i telespettatori a bocca aperta.

Dopo soli trenta secondi dal suono della campana infatti il Russian Vityaz ha accorciato la distanza e ha esploso un montante sinistro tecnicamente pregevole e spaventosamente potente con il quale ha fatto precipitare al suolo privo di sensi il più giovane avversario. In una frazione di secondo il match era finito: l’arbitro Mark Lyson non ha neppure iniziato il conteggio decretando immediatamente lo stop nel vedere l’espressione persa nel vuoto del corpulento pugile inglese, palesemente impossibilitato a rialzarsi in tempo utile. Un fulmine a ciel sereno dunque ha ribaltato non soltanto i pronostici della vigilia, ma anche l’andamento di una sfida che dopo gli atterramenti subiti dall’atleta russo sembrava davvero impossibile da “raddrizzare”.

Si tratta di una beffa clamorosa per Dillian Whyte che ormai da anni staziona in vetta alla classifica WBC dei pesi massimi essendosi guadagnato lo status di sfidante ufficiale al titolo e avendo ribadito la sua qualifica attraverso una moltitudine di vittorie, diverse delle quali giunte contro avversari quotati e pericolosi. Nel giro di una notte tutto il suo lavoro è andato in fumo e le sue speranze di battersi contro il detentore Tyson Fury a questo punto possono considerarsi polverizzate.

Autentica resurrezione invece quella di Alexander Povetkin, capace di riguadagnarsi i titoli dei giornali specializzati con un KO da urlo, certamente candidato a essere scelto come KO of the year. Oltre alla considerazione e al rispetto degli addetti ai lavori, Povetkin si è meritato di essere preso in considerazione per un ulteriore tentativo di laurearsi campione del mondo: ora lo sfidante ufficiale al trono del WBC è lui e l’istrionico Gipsy King che al momento possiede la cintura potrebbe essere costretto in tempi ragionavolmente brevi a dare una chance all’esperto e navigato atleta dell’est europeo.

Povetkin: “Pensano che sia finito? Per me Whyte non sarà l’ultima chance!”

Condividi su:
  • 1.1K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X