fbpx

Lorusso domina ai punti Masson e conquista il titolo dell’Unione Europea

Alessio Lorusso vince il titolo dell’Unione Europea dei pesi gallo battendo ai punti Thomas Masson davanti all’enorme pubblico accorso a Carrugate. Il talentuoso pugile italiano seguito da Giacobbe Fragomeni si è imposto al termine della dodicesima ripresa conquistando la vittoria per tutti e tre i giudici.

Lorusso conquista dunque il suo primo titolo internazionale, dopo aver fatto suo il titolo italiano dei supergallo nel 2019 imponendosi su Jacopo Lusci. Titolo che ha poi difeso l’anno successivo contro Iuliano Gallo. Adesso il pugile della BBT, dopo questa bella vittoria, si candida a una chance continentale nel prossimo futuro.

Nulla da fare per Thomas Masson, che fallisce l’approdo ai pesi gallo dopo essere stato campione europeo e sfidante al titolo mondiale nei pesi mosca. Il pugile francese è stato letteralmente incapace di trovare la giusta misura, poiché i suoi attacchi erano costantemente resi innocui dal footwork del suo avversario.

La prima ripresa inizia con Alessio Lorusso che lavora dalla lunga distanza, provando a colpire il rivale di rimessa. Il pugile lombardo si accende nella seconda frazione e sfrutta alla perfezione la sua mobilità per scagliare colpi precisi e potenti.

Il gioco di gambe di Lorusso caratterizza anche il terzo round e mette in crisi Masson. Il francese riesce a trovare buone combinazioni nel corso nella quarta ripresa riuscendo finalmente ad accorciare e a mettere a segno qualche colpo degno di nota.

L’allievo di Giacobbe Fragomeni ritrova il suo ritmo nel quinto round, utilizzando il jab in maniera incessante e gestendo così a piacimento i ritmi del match. Il copione continua nella sesta e nella settima ripresa, con Masson che prova a colpire il suo avversario ma non riesce mai a trovare il varco giusto per essere incisivo.

Lorusso risponde con il suo classico pugilato sfuggente anche nell’ottavo round nonostante il francese stia cercando di aumentare il numero di colpi portati. Impressionante la difesa del pugile lombardo che schiva qualunque pugno portato da Masson nella nona ripresa.

Un ottimo destro di Masson messo a segno nel decimo round sembra per un momento mettere in apprensione l’italiano, che prova a divincolarsi dal pressing del rivale boxando di rimessa e ben presto riprende confidenza e fiducia. L’undicesima e la dodicesima ripresa sono l’inevitabile passerella di Lorusso che con la sua classe e il suo movimento continuo riesce a gestire gli ultimi tentativi di Masson di metterlo in difficoltà.

Trionfo quindi meritatissimo e benaugurante per il futuro del 25enne atleta lombardo che match dopo match dimostra costanti e significativi miglioramenti. Certamente Masson non disponeva di armi offensive temibilissime, essendo proveniente da categorie di peso inferiori ed essendosi presentato con una percentuale di KO piuttosto bassa; il francese era tuttavia indubbiamente avvantaggiato sul piano dell’esperienza internazionale e il fatto che Lorusso sia riuscito a disinnescarlo con apparente facilità ci fa sperare che le sue qualità tecniche indiscutibili possano condurlo a traguardi prestigiosi.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X