fbpx

Accordo raggiunto tra Joshua e Fury: arriva finalmente la firma del contratto!

Dopo mesi di estenuanti trattative tra due promoter rivali, si è giunti finalmente a un accordo per un match di riunificazione relativo alle cinture dei pesi massimi tra il campione WBA, WBO, IBF e IBO, Anthony “AJ” Joshua (24-1, 22 KO) e il campione WBC, Tyson “Gipsy King” Fury (30-0-1, 21 KO) con tanto di clausola di rivincita.

Ci piacerebbe annunciare anche il luogo dell’evento entro il prossimo mese – ha dichiarato Eddie Hearn, numero uno della Matchroom Boxing, la società che promuove Joshua – la parte difficile è sempre quella di convincere tutti a mettere nero su bianco. Ma un grande sforzo è stato messo in atto da entrambe le parti per superare questo scoglio. Qui c’erano in ballo promoter rivali, network rivali e pugili rivali“.

La firma finale è arrivata nella giornata di sabato, al termine di una trattativa che ha coinvolto oltre a Fury e Joshua, la Matchroom Boxing, la Top Rank (che promuove Fury negli USA) e la Queensberry Promotions (che gestisce Fury nel Regno Unito), ma anche la MTK con sede a Dubai.

L’intera operazione è comunque ancora in bilico, poiché le firme depositate cesseranno di essere valide qualora non si raggiunga in tempi rapidi un accordo su data e luogo del primo dei due combattimenti. Una fonte di Top Rank ha infatti rivelato: “Siamo in attesa di conoscere una data e una location accettabili per entrambe le parti. Abbiamo trenta giorni a partire dalla firma, dopodiché l’accordo potrebbe saltare“.

Hearn tuttavia si dice molto fiducioso di portare tutto a termine: “In verità ritengo che abbiamo superato la parte più difficile, so quanto io ed Anthony abbiamo lavorato duramente in questi mesi per realizzare un match così importante quanto difficile da vendere. Abbiamo già avuto delle richieste da otto o nove paesi diversi. Le offerte provenivano da paesi del Medio Oriente, dell’Asia, dell’Europa Orientale e dell’America“.

La scelta definitiva potrebbe ricadere proprio su un paese del Medio Oriente, come già accaduto in occasione del secondo match tra Anthony Joshua ed Andy Ruiz, organizzato sempre da Matchroom e svoltosi a Diriyah, in Arabia Saudita.

Questo è il più grande incontro che si possa organizzare nel pugilato oltre ad essere uno dei più grandi eventi sportivi mondiali – ha aggiunto il promoter britannico – sarebbe un grande successo per un Paese che voglia mettersi in mostra“.

Come riportato da ESPN, il contratto prevede una spartizione di 50-50 sulla borsa relativa al primo combattimento, e di 60-40 a favore del primo vincitore nel rematch. Il piano prevede che entrambi gli incontri si disputino nel 2021: il primo per il mese di giugno o luglio; il secondo a novembre o dicembre.

La notizia della firma dei contratti è arrivata pochi giorni dopo le dichiarazioni pepate di Fury, che ha espresso tutta la sua frustrazione per la lentezza dei negoziati iniziati a gennaio, asserendo di aver smesso di allenarsi per il match e di bere fino a “dodici pinte al giorno”.

Come ha dichiarato Hearn potrebbe trattarsi dei soliti trucchi mentali di Fury, anche se, visto quanto accaduto in passato, col Gipsy King è meglio non scherzare: “Non si sa mai con Tyson. Potrebbero essere dei trucchi mentali. Potrebbe avere una brutta giornata oppure potrebbe essere solo un po’ arrabbiato. O forse potrebbe scherzare.

Questo match sarà attrattivo perché si scontrano due personaggi con personalità completamente diverse. Joshua è come un leone in gabbia, non ha smesso di allenarsi dal combattimento con Pulev. La sua crescita sarà epica“.

Joshua: “Le pagliacciate di Fury? Sono il suo lavoro, ma il mio è quello di chiudere lo spettacolo”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X