fbpx

A Pordenone occhio a Mirko vs Frank…

Questa sera a Pordenone, come largamente anticipato, si affronteranno Domenico Valentino, di Marcianise, e Francesco Acatullo, di Caivano, in un derby fuoripista che ha il sapore di titolo. Il campione del Mondo dilettanti del 2009 salirà per la terza volta sul ring, da professionista. Ogni volta che si muove è inevitabile creare interesse.

Ad inizio anno si era parlato di un possibile match, poi saltato, tra i due e manco a farlo apposta, in quella occasione “La Tigre di Caivano” si era esposto in un commento di disaccordo. Infatti Acatullo è stato diverse volte sfidante al titolo italiano (nelle categorie leggeri e super leggeri), non certo un pugile da utilizzare come trampolino di lancio per una stella del ring. In diciassette match da professionista, Francesco può vantare di aver sfidato i top fighter di categoria in Italia. Una vittoria, in questo momento, contro Valentino gli garantirebbe di orbitare ancora intorno a quel titolo che non è mai arrivato.

Domenico Valentino durante le operazioni di peso

Non ha certo bisogno di presentazioni, Domenico Valentino. Nel 2009 ha raggiunto il miglior risultato in carriera, vincendo il titolo Mondiale dilettanti nei pesi leggeri. Nelle attività di dilettante ha collezionato ben cinque medaglie nel massimo torneo, in oltre  medaglie agli Europei e ben tre partecipazioni alle Olimpiadi. Dall’annuncio di voler passare professionista all’esordio sono passati più di cinque mesi. Acatullo è stato il primo nome accostato al suo primo incontro. Molto probabilmente se Valentino avesse esordito contro il pugile di Caivano, ad oggi si starebbe parlando di un titolo Europeo per lui. Esordire con un pugile di spessore gli avrebbe aperto tante porte.

Il peso del nome, Valentino, lo ha percepito fin da subito. La difficoltà di trovare un degno avversario, torna prepotente ogni volta che si presenta una buona occasione. Ogni pugile poi, vuole la sua parte, e se c’è da prendere un titolo, bhe, è meglio non accostarci quel nome. Nemmeno quando Davide Festosi ha comunicato il suo infortunio. In quella occasione, le nuove classifiche e diverse opzioni di circostanza avrebbero fatto si che Valentino potesse aspirare ad un posto da co-sfidante al titolo, al terzo match.

Il titolo si fa, ma a sfidarsi saranno Pasquale Di Silvio e Francesco Invernizio. Nulla da togliere ai due contendenti, ma di questo passo Valentino potrà avere una chance in un’età prossima alla pensione.

L’ultimo sottoclou (Valentino v Acatullo) impreziosisce una serata importante per l’Italia. Ma allo stesso tempo, non sarà dato il giusto peso ad un incontro che avrebbe fatto parlare di sé anche in una normale riunione. Rischierà quindi di passare come match inosservato, quello che molto probabilmente sarà quello di maggiore spettacolo.

Ma a questo, ormai, ci siamo abituati.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X